DSC_0424

#MyVintage is a Crowd-Sourced Exhibit / #MyVintage, quando il pubblico fa la mostra

[ENGLISH TEXT BELOW]

Ad oggi abbiamo ricevuto oltre 200 foto per il #MyVintage contest, che esprimono il personalissimo concetto di vintage di ciascun autore. Questa mostra non offre solo l’opportunità di vedere la propria opera sulle pareti di un museo o sul relativo sito web, ma rientra in un più ampio fenomeno sociale, il crowd-sourcing.

Ma che cos’è esattamente il crowd-sourcing? Per quanto riguarda l’ambito museale, il crowd-sourcing consiste nel delegare alla comunità on-line parte del processo decisionale del museo per la selezione delle opere che devono essere inserite in una mostra. Attraverso i secoli, i musei sono sempre stati considerati delle istituzioni “elitarie”.

Oggi molti musei hanno cambiato la loro identità cercando nuove modalità per entrare in contatto con il proprio pubblico. Con l’apertura del processo di selezione delle opere al pubblico, si crea una connessione personale più forte tra visitatori e musei locali. In questo modo i musei diventano dei punti di riferimento per la comunità e generano coinvolgimento dei visitatori.

Con #MyVintage, il Museo del Tessuto di Prato è la prima realtà in Italia che ha curato una mostra con il crowd-sourcing. #MyVintege conferisci al pubblico due ruoli che appartenevo tipicamente ai musei. Innanzitutto il pubblico (sì proprio tu!!) è invitato a inviare immagini per l’esposizione. Con l’invio delle foto, queste vengono acquisite dal museo che le archivierà diventando parte della sua collezione. Inoltre il pubblico esprime il proprio gradimento votando le fotografie, giocando il ruolo di curatore della mostra. Infatti le foto più popolari saranno stampate ad una dimensione maggiore, proporzionale alla popolarità, diventando più visibili per il pubblico del museo. Un visitatore del museo che non condivide l’importanza attribuita ad uno scatto, può andare on-line votare immediatamente l’immagine che preferisce. È tutto nelle mani del pubblico. E tu che aspetti?! Clicca subito qui e vota le tue foto preferite!

To date, we have over 200 entries to the #MyVintage contest part of our exhibition, all wonderful and personal examples of what vintage means to you. This exhibition not only allows you to see your work on the walls of the museum or online, but to contribute to the larger social phenomenon of crowd-sourcing. 

What exactly is crowd-sourcing? In terms of museums, crowd-sourcing is the act of outsourcing a part decision making process of the museum to the open online museum community who helps select via the internet art work to be included in an exhibition and put on display.  Over the centuries, museums have been classified as elitist institutions. Today, many museums have shifted identities and sought new ways of connecting with visitors. By opening up the back-end decision making process, through crowd-sourcing, to the museum’s public, visitors feel a greater personal connection with their local museums. In this way, museums become centers for community and visitor engagement.

Museo del Tessuto gives Italy its first crowd-sourced exhibition with #MyVintage. #MyVintage gives two traditional museum roles to the public. First, the public [that's you!] is invited to submit images for display. The act of uploading your photographs gives you the duties of museum acquisition. Remember, the uploaded photos will remain in the museum archives as a part of their collection.  Then, when you vote on the photographs, you play the role of the curator.  The more popular photographs will be printed in a larger size, becoming more visible to the museum visitor. A viewer in the museum will know that that specific image has been selected by the public more frequently based on its dimensions. A viewer can ponder the results, and if they disagree with the choice, they can easily go online and vote for the images that they prefer.  It’s all in your hands. Vote now online for your favorite photos here.

 

© 2012 Vintage - Museo del Tessuto