PoPistoia mostra mercato – 15-16 dicembre

popistoia

I nuovi spazi della cattedrale nelle aree ex Breda a Pistoia accolgono PoPistoia: la prima mostra mercato del disco in vinile, del fumetto e del vintage.

Se si parla di vintage non si può dimenticare la musica che ha caratterizzato i decenni  passati. La mostra mercato di Pistoia mette appunto al centro la musica nel suo insieme. Dai vecchi supporti come i vinili alle locandine originali passando da tanto materiale autografato! Un paradiso per i collezionisti di tutte le età.

A PoPistoia si aggiungono tanti eventi, mostre e film:

Gli eventi
Il ricco calendario di eventi si inaugura venerdì 30 novembre con la presentazione del libro Felici e maledetti di Bruno Casini, con l’autore interverrà la giornalista Raffaella Galamini. Du e grandi musicisti, Boosta dei Subsonica (Davide Dileo, musicista, compositore e scrittore) con il cantautore Niccolò Fabi, saranno i protagonisti di un intrigante appuntamento dal titolo Dialoghi sull’arte sulla musica e sull’estetica. Con il critico d’arte Marco Bazzini e con il giornalista e musicista Ezio Guaitamacchi si parlerà di arte e rock. I critici musicali Enzo Gentile e Pierfrancesco Pacoda presenteranno la biografia Jimi Hendrix, mio fratello di Leon Hendrix. Shel Shapiro cantante, musicista, produttore discografico e attore, ex leader dei Rokes, presenterà UNDICI, un brano da lui scritto e recitato per riscoprire la nostra costituzione, per ricordare le fondamenta del nostro paese in un momento di crisi d’identità e di valori. Proposto per la festa del primo Maggio a Roma, oggi in fase di mastering a New York, come preannuncia il titolo stesso, riporta i primi undici articoli della costituzione italiana e verrà presentato ufficialmente ai media a dicembre, sottolineato da un video diretto e firmato dal regista Marco Risi. Don Backy, cantante e autore racconterà Il mestiere delle canzoni. Il critico musicale Pierfrancesco Pacoda presenterà l’ultimo disco di Cristina Zavalloni e Radar Band La donna di cristallo. Organizzato in collaborazione con il Salone del Libro di Torino, all’evento parteciperà anche il giornalista Fabrizio Vespa e Pierumberto Ferrero musicologo, responsabile musica del salone internazionale del libro. Riccardo Tesi, Ezio Menchi e Andra Ottanelli in una conversazione a più voci, tra letture e proiezioni accompagnati dall musica della Banditaliana, racconteranno la storia dell’archivio Sergio Landini, costituito a Pistoia negli anni ’60 e contenente una tra le più articolate collezioni di dischi di musica etnica, jazz e blues. Un convegno organizzato in collaborazione con Associazione Teatrale Pistoiese e Palazzo Fabroni Arti Visive Contemporanee affronterà il tema dei passaggi nella diffusione della musica Dal vinile alla musica liquida con Gianni Sibilla, giornalista esperto di comunicazione musicale, Enzo Gentile giornalista, critico musicale, Antonio Miscenà presidente di ACISA Suono Italia, Giampiero Bigazzi Matson Distribuzione, Cristina Zavalloni cantante. Il giornalista Enrico Deregibus e Giordano Sangiorgi coordinatore del MEI meeting etichette indipendenti con Giampiero Bigazzi di Materiali Sonori e i Martinicca Boison racconteranno 50 anni di musica indipendente. Non potevano mancare due iniziative dedicate alle due band “pietre miliari” degli anni sessanta, Beatles e Rolling Stones, uno sguardo particolare sui “Fab four” da Mario Pezzolla giornalista, conduttore radiofonico e disc jockey con l’incontro I Beatles visti dall’Italia, e una conversazione con ascolti e proiezioni per il loro cinquantenario su I Rolling Stones con il musicologo Arturo Stalteri. Un altro appuntamento sarà dedicato a John Cage, con Giancarlo Cardini che eseguirà le Sonate e Interludi per pianoforte preparato (1946-48). Il musicologo Francesco Martinelli racconterà il jazz degli anni ’60 e ci saranno un omaggio a John Coltrane con il concerto di Alessandro Lanzoni e uno a Miles Davis dei Gaga quartet.
Stefano Della Casa (presidente Film Commission Piemonte) presenterà il libro PopFilmart un volume d’arte sul fenomeno artistico della Pop Art nel cinema) mentre il critico d’arte contemporanea Luca Beatrice con il giornalista e scrittore Fabrizio Vespa presenteranno POP ART : L’invenzione dell’artista come star. Lo sceneggiatore Sergio Badino (autore di fumetti, da Topolino a Dylan Dog a Martin Mystere) presenterà il suo libro Fare fumetti: professione sceneggiatore. Del Sortilegio del fumetto italiano negli anni sessanta, parleranno Luca Boschi fumettista, saggista e critico e Alberto Becattini autore, esperto di comics. Così si mangiava è il titolo di un altro “ghiotto” incontro che vede protagonista il giornalista enogastronomico Giorgio Calabrese. Al professor Peppino Ortoleva Studioso di storia e teoria dei mezzi di comunicazione, tra i maggiori esperti italiani dell’argomento, spetterà il compito di una riflessione su La rivoluzione dei media e della sessualità in quegli anni.

Le mostre
Palazzo Fabroni ospiterà la Mostra dedicata agli artisti Fernando Melani e Luciano Fabro, esponente del gruppo “arte povera”, mentre la Galleria Vannucci una personale di Gianni Ruffi. Icone Pop: la vespa nel cinema sarà il titolo della mostra fotografica organizzata in collaborazione con il Centro Documentazione del Cinema, la fondazione Piaggio e Carnagenews.com. nell’auditorium Terzani intitolata Pistoia ’60 Memorie per immagini. Un autentico bus londinese a due piani ospiterà la mostra di cover originali dei dischi di Beatles e Rolling Stones mentre all’interno della mostra mercato un particolare percorso espositivo sulle eccellenze pistoiesi intitolato “Eravamo famosi”.ù

Film
Un ciclo dedicato al cinema italiano tra Pop e Boom con proiezioni di film di Bava, Bolognini, De Sica, Fellini, Ferreri, Festa Campanile, Lizzani e Petri e Una notte Bianca organizzata in collaborazione con il Centro Documentazione del Cinema e Carnagenews.com, dedicata al cinema made in Usa. Mentre in Italia si consuma la stagione del “Pop”, negli Stati Uniti sono le scuole di cinema da poco create a cogliere l’occasione del ’68 per rivoluzionare la produzione di genere hollywoodiana. Quella che successivamente verrà chiamata la “New Hollywood” si esprime attraverso l’opera di alcuni giovani registi (R.Altman, D.Hopper,G.R. Hill, Arthur Penn) destinati a diventare grandi autori nel corso dei decenni successivi.

Maggiori info sul sito ufficiale

 

No comments

Post a Reply

© 2012 Vintage - Museo del Tessuto